Guida alla produzione musicale: 3 siti dove pubblicare la propria musica

 In News

I pesci grossi lanciano le loro canzoni direttamente su iTunes, Spotify e YouTube, ma i pesci piccoli dove pubblicano i loro primi brani?

Come fare per proporre la propria musica ad un pubblico il più ampio possibile, se non si è ancora conosciuti?

Una delle cose belle di internet è che i nostri pezzi possono andare direttamente sul mercato globale; un ragazzo indonesiano può scaricare la nostra canzone e condividerla con gli amici. Ogni artista può avere un pubblico potenziale di 7 miliardi di persone, un’opportunità mai vista prima nella storia dell’umanità. Certo, arrivare direttamente a questo pubblico potenziale non è semplice, ma per questo esistono alcuni siti web che vengono incontro alle necessità degli aspiranti musicisti professionisti.

Con questa guida alla produzione musicale vediamo quali sono le principali piattaforme che possono ospitare la vostra musica:

Soundcloud.com

Soundcloud è oggi uno standard nel settore della produzione musicale indipendente. Fondato a Berlino nel 2007, la piattaforma è diventata nel tempo il luogo dove una vasta community di artisti si incontra e si scambia brani, opinioni e consigli. Funziona un po’ come Facebook: si apre il proprio profilo, si inseriscono le informazioni di base e poi si caricano i propri file audio. Semplice da usare, gratuito e molto frequentato. Unica avvertenza: potete pubblicare solo cose originali, di cui siete detentori dei diritti. Niente cover. Sono possibili due livelli di abbonamento: gratuito (limite di 120 minuti di registrazioni audio e disponibilità di alcune statistiche); a pagamento (nessun limite di file audio, più possibilità di gestire la propria pagina, tutte le statistiche). L’acquisto delle tracce audio dà diritto al compratore di usare l’audio senza alcuna restrizione. Sintesi: aspetto di community in primo piano, possibilità di vendita in secondo piano.

Bandcamp.com

Altra piattaforma fondamentale per gli aspiranti musicisti professionisti. Qui si può creare la propria pagina, caricare i brani e venderli. Grafica essenziale, semplice da personalizzare con immagini e loghi, ottima SEO (la facilità con cui Google conoscerà e indicizzerà i vostri contenuti). Bandcamp unisce i vantaggi del social network alla semplicità di essere trovati e alla possibilità di vendere i vostri brani. Potrete inoltre sapere se altri utenti stanno ascoltando il vostro pezzo, se hanno completato l’ascolto o sono passati ad altre canzoni. L’iscrizione a Bandcamp è gratuita, viene però trattenuta una percentuale sulle vendite, che di base è del 15% ma che scende al 10% se si supera la soglia dei 5000 dollari di vendite. Un ottimo sistema, sia per la piattaforma che per i musicisti, che sanno che Bandcamp è loro socio nella commercializzazione e che quindi ha tutti gli interessi nel vendere la loro musica al meglio possibile. Sintesi: molto social e molto digital store

Tunecore.com

Tunecore è invece un servizio di pura distribuzione musicale, che permette a qualunque artista di essere presenti su iTunes e su gli altri principali store digitali di musica, come Spotify, Amazon Music, Google Play, Tidal. Nato a Brooklyn (NY) nel 2005, Tunecore richiede solo un versamento iniziale per l’inserimento di canzoni e album. Le tariffe sono più che ragionevoli: 9-10 euro per un singolo e 25-30 euro per un album, con la durata di un anno. È un servizio comodo perché così i musicisti possono evitare di affidarsi a etichette o distributori tradizionali, ma bisogna tenere presente che tutto il lavoro promozionale rimane una responsabilità dell’artista. Tunecore ha pubblicato poco tempo fa i dati relativi alle vendite realizzate dalle band presenti sul sito: circa 60 band hanno incassato più di 10.000 dollari, di queste sei hanno superato i 50.000 dollari e tre i 100.000 dollari. Il 99% delle band presenti non ha alcun contratto discografico. Il messaggio è chiaro: se siete bravi, grazie a Tunecore, ce la potete fare. Sintesi: Per niente social, fa da intermediario e distributore su grandi portali di musica.

Recent Posts
Contattaci

Ciao, sono Valentina, la tua consulente di Istituti Professionali, di cosa hai bisogno?

Not readable? Change text. captcha txt
procuratore sportivo: Il calciomercato dopo gli Europeiorganizzatrice-eventi