Evelyn Glennie: quando il suono si ascolta con l’anima

 In News

Evelyn Glennie è una delle percussioniste più famose al mondo. Fin qui nulla di particolare, se non fosse che Evelyn è non udente.
Rimasta sorda in tenera età, Evelyn Glennie riesce comunque a sentire la musica attraverso l’osservazione e la percezione delle vibrazioni. Tutti coloro che vogliono diventare produttori musicali, conoscono la storia, la vita e la bravura dell’artista  scozzese.

evelyn guennie istituti professionali 1
La sua carriera da solista l’ha portata ad esibirsi in tutto il mondo, spesso anche al fianco di artisti del calibro di Björk, Steve Hackett, Bela Fleck, Bobby McFerrin, Fred Frith e Mark Knopfler, vincendo nel 1989 anhe il Grammy Award for Best Chamber Music Performance.
Insignita nel 2007 della carica di dama dell’Ordine dell’Impero Britannico, a lei è stato dedicato un film documentario che racconta non solo la sua vita da artista e musicista, ma la sua straordinaria capacità di avvertire la musica, attraverso forse un senso molto più acuto e profondo dell’udito, che è l’anima.
Il film su di lei si intitola “Touch the sound: A Sound Journey with Evelyn Glennie“, diretto da Thomas Riedelsheimer ed è un bellissimo sguardo sul suono, sulla percezione, sulla capacità di ascoltare da dentro, sulla straordinaria possibilità di creare bellezza e suoni diversi che nascono da una predisposizione particolare alla realtà e alla vita in genere.
Perché il sound di Evelyn ha origini più profonde e lontane, perché nasce da un’infanzia votata alla musica e da un approccio alla vita che è ascolto, perché è il frutto di una sensibilità raffinata che non si ferma a ciò che sta in superficie.
“L’ascolto – dice Evelyn – è una forma di contatto. Lo senti attraverso il corpo, e talvolta il suono colpisce quasi il viso”.

Secondo il critico cinematografico Ty Burr, Touch the sound è un documentario intenso e misterioso, in grado di farci sentire ciò che sente Glennie. È una biografia potente e delicata di una donna e di un’artista unica, che gioca coi suoni, con la musica, attraverso un’esplorazione mistica del mondo sensoriale.
La musica va oltre ogni limite umano per raggiungere una dimensione quasi ultraterrena con Evelyn. L’udito è solo uno dei tanti strumenti per percepirla, ma non il più importante. La musica è vibrazione, è contatto quasi viscerale col mondo, è la capacità stessa di ascoltare il silenzio e di renderlo melodia.

Vuoi diventare un esperto del suono? Scegli il corso di produzione musicale di Istituti Professionale.

Recent Posts
Contattaci

Ciao, sono Valentina, la tua consulente di Istituti Professionali, di cosa hai bisogno?

come organizzare un matrimonio celtico istituti professionali 2angelo garini wedding planner istituti professionali 1