Come realizzare una colonna sonora?

 In News

Il sonoro nel cinema incide minimamente sul costo per la realizzazione di un film, eppure anche i non addetti ai lavori sanno che l’audio in un film è fondamentale per un’ottima riuscita del prodotto, e che può determinare il fallimento o il successo del lavoro e del regista. Come si fa a realizzare una buona colonna sonora? Magix Music Maker, Final Cut Studio e Pro Tools sono alcuni dei migliori software professionali utilizzati dai tecnici del suono per realizzare le colonne sonore e che potrete imparare a conoscere nel nostro corso per tecnico del suono. La colonna sonora e i suoni in generale in una pellicola vengono utilizzati per accentuare gli stati d’animo che il regista vuole trasmettere, cosa che solo attraverso le espressioni degli attori non è possibile, pur bravissimi che siano. Il tecnico del suono deve conoscere perfettamente ogni scena del film, deve sapere cosa il regista vuole trasmettere agli spettatori, quali emozioni deve suscitare: paura, malinconia, felicità, tenerezza vengono trasmessa agli spettatori non solo attraverso le immagini ma anche attraverso i suoni e le musiche. Generalmente chi si occupa della realizzazione della colonna sonora viene contattato dal regista prima che le scene vengano girate. Il regista spesso consegna al compositore un copione del film, e gli spiega quali emozioni dovrà enfatizzare, in quali momenti e con quale intensità, spiegando al meglio quello che vuole realizzare. In questa prima fase quindi, il compositore inizia ad immaginare il film, a farlo suo, a personalizzarlo dal punto di vista del suono, basandosi sul racconto del regista e del copione ricevuto. Immaginerà le scene, i luoghi, l’atmosfera. Quindi il musicista comincerà a comporre varie colonne sonore e tracce audio tenendo presente che le riprese potrebbero risultare molto diverse da come le aveva immaginate nella sua mente. Per questo motivo sa che deve tener pronte varie opzioni, sperando che almeno una di quelle si adatti alla scena e che soprattutto colpisca il regista. Il compositore assisterà alle riprese del film per entrare in sintonia con le emozioni che esso vuole trasmettere e modificare ciò che ha già creato e per lasciarsi ispirare per realizzare nuove composizioni. In questo delicato processo produttivo, il tecnico del suono è anche uno dei protagonisti della post-produzione che prende l’avvio con il montaggio. Le riprese vengono messe in ordire, alcune vengono tagliate, altre unite tra loro per creare una pellicola omogenea anche in senso cronologico. Ora è possibile creare i suoni che si adatteranno perfettamente alle scene e saranno uniti permanentemente alla pellicola. La penultima fase, ovvero quella subito prima dell’aggiunta degli effetti speciali, si chiama Picture Lock. Durante questa fase avviene la sincronizzazione tra il sonoro e le immagini. Nell’ultima fase invece le scene saranno definitive, quindi il tecnico del suono potrà lavorare sul film nella sua interezza.

Recent Posts
Contattaci

Ciao, sono Valentina, la tua consulente di Istituti Professionali, di cosa hai bisogno?

Not readable? Change text. captcha txt
Miglior Wedding PlannerMagaer di hotel di lusso al Burj Al Arab