Addio Totti: il saluto in lacrime del Capitano

 In News

A vederlo come l’altra sera all’Olimpico, il “pupone” ha fatto proprio tenerezza: in lacrime per la sua ultima partita, come in lacrime era tutto lo stadio a gridare sommessamente e con il cuore in gola “Addio Totti“.
Roma saluta così il suo ottavo re e attorno al Capitano dei capitani si stringe commosso non solo lo stadio ma il mondo intero del calcio, mentre Big Francesco ci regala la sua ultima partita.

Addio Totti: grazie da tutti noi!

Sembra arrivare all’unisono dagli spalti reali dello stadio Olimpico di Roma e persino da quelli virtuali di chi guardava la partita da casa, il messaggio: “Addio Totti, ci mancherai. Grazie per il bel calcio che ci hai fatto vedere e vivere”.
Dopo 25 anni di partite, vittorie, campionati e tribolazioni, fatiche e conquiste, Francisco Totti saluta tutto il mondo del calcio e saluta la sua amata Roma. E lo fa a modo suo, con la sua schietta trasparenza, la sua semplicità, la sua spontanea commozione che conquista tutti, un amore per questo sport che è pari all’amore per la sua famiglia, che gli va incontro a fine partita.

E lui è lì a prendersi l’abbraccio di un pubblico che gli sarà grato per sempre per il talento, lo spettacolo, il buon calcio di cui ha potuto godere in tutti questi anni; un pubblico in lacrime, come lo stesso Capitano, che non si trattiene mentre regala un pallone autografato e poi, insieme con la moglie Ilary Blasi e i tre figli, fa il giro del campo tra gli applausi degli oltre 65 mila tifosi. Mentre amici, parenti, giornalisti osservano anche loro commossi l’addio di uno dei talenti più preziosi che il calcio abbia mai avuto.

Persino il goal di Diego Perotti, col quale la Roma agguanta al 91′ l’accesso in Champions League sembra passare in second’ordine in quella che è stata ribattezzata la domenica dell’Addio di Totti.

Il calciatore dei calciatori

Cinque volte migliore calciatore italiano agli Oscar del calcio AIC, un record, e all’attivo anche due premi come miglior calciatore assoluto, mentre nel 2004 è stato incluso nella FIFA 100, la lista dei 125 più grandi giocatori viventi selezionata da Pelé e dalla FIFA.
Per non parlare del suo palmarès, che a dargli giustizia per intero, non basterebbero decine di articoli.

Un quarto di secolo segnato da Totti, 25 anni che hanno segnato indelebilmente la storia del calcio italiano e, guardando il “pupone” in lacrime, la riflessione non può non andare a quando il Capitano ha iniziato a muovere i primi passi su un rettangolo verde.

addio totti istituti professionali 1

 

Per i tifosi della “Magica”, nessun altro potrà mai prendere il posto del Dio del calcio, e difficilmente si potranno ripetere le emozioni che Totti ci ha regalato.
Eppure, chissà, tra le nuove leve di questo sport meraviglioso, si nasconde, ancora in erba, un talento pari a quello del Capitano, un talento che va coltivato e “scovato”.

E magari potresti essere proprio tu a tirare fuori dall’anonimato questo talento, diventando l’osservatore calcistico del Totti 2 o di un nuovo grande campione.
Come? frequentando il corso per osservatore calcistico di Istituti Professionali e preparandoti professionalmente ad entrare nel mondo del calcio.

Il pensiero va al piccolo Mattia Almaviva, mini capitano dei Pulcini della Roma, a cui Totti regala la sua fascia, salutando con voce singhiozzante tutti.
Addio Totti! Addio Capitano! Ci mancherai!

Immagine di copertina da supereva.it

Post recenti
Contattaci

Ciao, sono Valentina, la tua consulente di Istituti Professionali, di cosa hai bisogno?

ArabicChinese (Simplified)DutchEnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish
make up estate istituti professionalicalciatori talentuosi istituti professionali