Accordo Fifa-FIFPro: più tutela ai calciatori professionisti

 In News

La FIFA, il massimo organismo del calcio nel mondo, e la FIFPro, la federazione internazionale dei calciatori professionisti, hanno raggiunto un protocollo di cooperazione volto a modificare il sistema dei trasferimenti dei calciatori (leggi qui). Questo accordo FIFA-FIFPro, che potrebbe avere lo stesso impatto che ebbe nel 1995 la sentenza Bosman, ha come obiettivo una maggiore tutela della figura del calciatore professionista, ed ha trovato il consenso dell’ECA (European Club Association), l’organismo che rappresenta le società calcistiche a livello europeo, e del World Leagues Forum.
L’accordo FIFA-FIFPro, in realtà, giunge dopo che la Federazione internazionale dei calciatori professionisti aveva denunciato, nel 2015, alla Commissione Europea l’attuale sistema dei trasferimenti, giudicandolo “illegale e anticoncorrenziale“.

Le norme che avranno un maggiore impatto sul rapporto di lavoro tra i calciatori professionisti e i loro club di appartenenza, sono principalmente due: la prima prevede che in caso di mancato versamento degli emolumenti, per un periodo superiore ai 60 giorni, il giocatore possa lasciare la società ottenendo la risoluzione del contratto. La seconda, invece, mira ad evitare comportamenti lesivi della propria professionalità da parte del club come, ad esempio, l’inserimento nella lista dei fuori rosa e l’obbligo di allenarsi da soli. Anche in questo caso i giocatori potranno ottenere la risoluzione del contratto. Verranno cosi evitati casi come quelli accaduti in passato con Pandev, ai tempi della Lazio, e con Cassano alla Sampdoria.

Saranno, inoltre, studiate altre modifiche del sistema dei trasferimenti, come la creazione di arbitri nazionali e l’aggiunta di requisiti minimi contrattuali, oltre che l’istituzione di tavoli di lavoro per valutare cambiamenti nel calendario internazionale delle partite al fine di non compromettere la salute e la sicurezza dei calciatori.

Dall’accordo FIFA-FIFPro deriva anche l’impegno congiunto delle due istituzioni nella promozione della parità e degli interessi delle giocatrici e della crescita del calcio femminile professionistico.

accordo fifa-fifpro istituti professionali 1Gianni Infantino, presidente della FIFA, ha commentato cosi l’accordo: “Oggi è una pietra miliare per il miglioramento della governance globale del calcio professionistico. Sono state trattative complicate con i principali stakeholder e ognuno ha fatto compromessi ma alla fine l’accordo è vantaggioso per tutti e a vincere è il calcio. Non vedo l’ora di vedere lo stesso approccio collaborativo per le discussioni che iniziano ora per una revisione più ampia del sistema di trasferimento. Tutte le parti – associazioni, confederazioni, giocatori, club e leghe – hanno un ruolo importante da svolgere in questo processo”.

Anche Philippe Piat, presidente di FIFPro, ha espresso la propria soddisfazione per l’intesa raggiunta: “Questa comprensione reciproca ha contribuito a mettere in atto i più grandi cambiamenti alle regole del trasferimento del calcio dal 2001. Mentre i club delle leghe più ricche trattano bene i propri giocatori, esistono altre leghe in cui i diritti di lavoro dei calciatori vengono regolarmente ignorati. Queste modifiche alle regole contribuiranno a proteggere i 60.000 giocatori che FIFPro rappresenta contro i trattamenti ingiusti che subiscono

Foto: FIFA.com

Vuoi lavorare nel mondo del calcio? Scopri il Master per manager calcistico di Istituti Professionali cliccando qui.

Post recenti
Contattaci

Ciao, sono Valentina, la tua consulente di Istituti Professionali, di cosa hai bisogno?

migliori under 23 italiani istituti professionali